Saluti del Dirigente Renzo Ronconi a tutto l'Istituto

Cari alunni, famiglie, insegnanti, personale dell'IC Castelletto,

Vi scrivo dal treno che mi porta a scuola, in questa luminosa mattina di sabato, carico ancora della fatica di questi giorni così complessi. Mentre torno al lavoro per ultimare assieme al personale dell'Istituto quanto necessario per dare inizio alle lezioni, porto con me e custodisco anche le Vostre fatiche, le incertezze e le delusioni di tutti noi che vorremmo una scuola cui fosse data la piena libertà di svolgere il proprio mandato: elevare i cittadini della comunità di domani, attraverso l'amore per il sapere e lo sviluppo delle proprie attitudini. I miei nonni contadini, che portavano avanti con nobile dignità il duro lavoro della gente dell'Appennino in paesi senza acqua corrente, energia elettrica, strada carrozzabile, che generarono i miei genitori ancora sotto la dittatura fascista, stenterebbero a credere che la scuola della Repubblica e la società democratica possano aver consentito a questo loro nipote di trovarsi al servizio della collettività nel ruolo di “Preside”, come si diceva una volta, quando anche il vocabolario del nostro mestiere era meno aziendalista e più legato alle proprie radici pedagogiche. Stenterebbero a crederlo, sorriderebbero pensando al bambino che tenevano in braccio, eppure quel percorso, da loro iniziato e proseguito con il lavoro dei miei genitori, si è dipanato ed è stata la scuola pubblica, per buona parte, a permetterlo.

Tenere lo sguardo sul senso profondo dell'esperienza scolastica ci aiuta a non farci travolgere dall'incertezza. Ci fa paura ciò che non conosciamo, ma se al contrario non dimentichiamo le motivazioni profonde che ci portano ad impegnarci nella scuola e nella società, ciascuno nei propri ruoli, questo tempo faticoso lo sapremo affrontare; la stanchezza e il disorientamento possono produrre negatività e rabbia, Vi chiedo invece la pazienza quotidiana di chi desidera costruire assieme agli altri. L'inizio dell'anno scolastico ci coglie in condizioni difficili: vorrei che lo vivessimo con forza, fiducia, spirito di solidarietà reciproca.

Sono arrivato in una scuola attiva, propositiva, accogliente: l'ho sentita come cosa preziosa, nei miei confronti, da parte dei miei collaboratori e di tutte le persone che ho già avuto modo di incontrare; non dubito che sarà così con tutti, anche nel corso dell'anno, e Ve ne sono già grato.

Buon anno scolastico a tutti noi.

Genova, 12 settembre 2020

 

prof. Renzo Ronconi

(Dirigente Scolastico dell'IC Castelletto - Genova)

 

 “Forse le sirene, i rintocchi

che salutano i mostri nella sera

 della loro tregenda, si confondono già

col suono che slegato dal cielo, scende, vince –

col respiro di un’alba che domani per tutti

si riaffacci, bianca ma senz’ali

di raccapriccio, ai greti arsi del sud…”

(Eugenio Montale, La primavera hitleriana)

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.