La teatralità nel nostro istituto

SCUOLA DI TEATRO ALLA SCUOLA MAZZINI

TEATRO E’ SPETTACOLO DAL VIVO                                                                                di Enrica Origo

Da attrice di teatro e cinema (e questo fa colpo, o fa malinconia, vedete voi), ma anche da maestra, imprestata alla scuola da più di vent’anni, sperimento quotidianamente con il mio pubblico di bambini la peculiarità del teatro che è unicamente e imprescindibilmente rappresentazione dal vivo. Il teatro è consapevolezza che la vita è una recita e che il mondo è un palcoscenico. Ce lo  ricorda magistralmente Shakespeare, ma, umilmente, lo leggo nel fare dei piccoli, sempre pronti, senza la minima esitazione, ad immaginare consapevolmente di essere altro da sé, altrove nello spazio e nel tempo. Questo è bellissimo e rigenerante per un adulto che si ostina a non accettare il noiosissimo gioco delle parti nella vita reale, ma ama invece giocare sapendo di giocare. Contrariamente a ciò che alcuni pensano, e mi ritrovo a contraddire addirittura un grande maestro di teatro come Eugenio Barba che pochi giorni fa ho ascoltato a Sori dire che “recitare per i bambini è la cosa più difficile” perché i bambini non riescono a staccarsi dal pensiero reale ( “ i miei figli mi chiedevano che cosa facessi con quel calzino infilato nella mano quando volevo dar l’immagine di un serpente…”), ho sperimentato invece che la disposizione a credere all’impossibile è  predominante nel bambino.

Il giorno dopo l’incontro pubblico con Barba, ho fatto il seguente esperimento a mensa. “Drin , drin! ” e raccolgo dal tavolo una forchetta portandola all’orecchio. Parlo nella forchetta e poi chiudo la conversazione posandola al suo posto. I bambini smettono di parlare, come invece fanno di norma a tavola disordinatamente a contemporaneamente, e mi guardano silenziosi, in attesa. Per me quel silenzio e quell’attesa sono meravigliosi. Perché è in quell’attimo che il teatro entra prepotentemente, come un dio, nella  banalità del caos.  Il teatro è in quel silenzio, in quello scambio tra attore e spettatore. Perché il teatro lo fanno dal vivo gli attori insieme agli spettatori. Senza questi ultimi è impossibile. Se non c’è questo scambio vivo di attese non c’è teatro.  Nel cinema invece il momento rappresentativo viene registrato tecnologicamente per essere canalizzato in uno schermo e posticipato “altrove” per un pubblico “altro”, del quale paradossalmente può far parte la stessa persona che ha recitato per quello schermo: allora cadono le categorie spazio temporali del “qui ed ora” e  insieme ad esse cade il contatto diretto tra attore e pubblico, facendo cadere la possibilità di incontrarsi attraverso l’azione scenica. Cade dunque il teatro. Questo è l’insegnamento di Grotowski. Ritorno dunque su questa differenza: il teatro non è il cinema, non è la televisione non è il social, non è un video, non è facebook.  Non esiste una disciplina cinema-teatro, come non esiste teatro-televisione, o radio-teatro. Esistono , o esistevano, i radiodrammi, ma nulla avevano a che fare con il teatro: infatti si chiamavano “drammi”. Al di là del puro divertimento nel fare un gioco di abbinamenti a caso, come, che so: agronomia-teatro,  igiene- teatro,  ginnastica-teatro, culinaria-teatro, relazioni internazionali-teatro, economia domestica-teatro, o più modernamente informatica-teatro, coding-teatro, snorkeling-teatro, bird-watching-teatro ecc… e chi più ne ha più ne metta per puro ozioso divertimento surrealista,  il senso del teatro, dobbiamo ricercarlo nella sua unicità. Il teatro è solo teatro. E da lì si parte. Si continua e non si finisce mai, poiché il teatro è la ricerca di un ritorno impossibile.

Per quanto riguarda il valore formativo del teatro, secondo me, il momento dell’incontro con l’altro in scena a diretto contatto con il pubblico, è un momento altamente formativo e insostituibile per un bambino che cresce. Certo perché questo sia tale, occorre che ci siano da parte sua totale partecipazione e divertimento e che il teatro non sia confuso con un obbligo imposto dall’alto come in certe recite che mostrano bambini “malinconicissimi”, come diceva Sergio Tofano.

Come finisce l’esperimento? Ai sei bambini curiosi, e incantati più che davanti ad un video gioco di ammazzamenti, chiedo, riprendendo in mano la forchetta: “Che cos’è?”. “Una forchetta” mi rispondono in due. ”Un telefono “ mi rispondono in quattro”. Viva la democrazia. E viva il teatro


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.