Sezione Montessori

SEZIONE MONTESSORI

clicca su OPERA MONTESSORI per sapere di più

"E' nei primissimi anni in cui si gettano i semi di tutte le scienze, in altre parole si affondano nell'inconscio dell'individuo i germi della cultura che dovranno svilupparsi e fiorire.

Diamo , dunque , il mondo al bambino."

Maria Montessori

 

IL METODO

Il metodo Montessori, si avvale dell'osservazione e della conoscenza del bambino così come realmente è , protagonista della sua crescita.

Il docente che fa proprio questo metodo parte dalla consapevolezza che il bambino è soggetto attivo , protagonista , costruttore del proprio sapere. "Aiutami a fare da solo" è un'invocazione che esprime uno tra gli elementi ispiratori della metodologia montessoriana.

Nella classi i supporti fondamentali del lavoro autonomo svolto dal bambino sono:

-l'ambiente strutturato;

-l'insegnante;

-il materiale di sviluppo.

"Bisogna dunque che l'ambiente contenga i mezzi per l'autoeducazione ; questi mezzi non possono essere presi a caso, essi rappresentano il risultato di uno studio sperimentale" (M. Montessori)

Nell'ambiente ogni cosa ha il suo posto e c'è posto per ogni cosa, per garantire a tutti la possibilità di avere dei riferimenti all'interno della classe.

L'insegnante ha il compito dell'educazione indiretta , prepara l'ambiente nel rispetto delle libertà di movimento , dei tempi e dei ritmi di apprendimento dei bambini, affinchè ciascuno di essi possa applicarsi al suo importante lavoro, salvaguardando e potenziando la propria originalità e propria identità individuale .

1) Realizza il Curricolo obbligatorio nazionale

Assicurando il conseguimento degli obiettivi specifici degli apprendimenti previsti dallo Stato per la scuola Primaria.

La metodologia didattica, validata da decenni di perfezionamento, ha l'approvazione internazionale di importanti istituti di ricerca educativa.

2) Pone il bambino al centro della sua azione

Rispettandone gli interessi ed i tempi, a ogni alunno è offerto un percorso educativo ricco di opportunità di apprendimento, al fine di promuovere competenze di tipo trasversale e pluridisciplinare coerenti con la richiesta con la richiesta di formazione, attraverso uno stretto rapporto tra"sapere" e "saper fare".

3) Cura l'ambiente educativo 

Il bambino, se si trova in un ambiente favorevole e a sua misura, svilupperà al massimo le sue potenzialità. Il bambino si muove in un "Ambiente " progettato dai docenti, che predispongono il lavoro "auto-formativo".

Nell'ambiente educativo "Il bambino deve rimanere libero di esprimere la propria interiorità, deve imparare a padroneggiare le diverse tecniche che gli consentano di esprimerla (M. Montessori).

In un ambiente così ricco e significativo, ogni bambino impara con naturalezza a rispettare le regole comuni dettae dalla convivenza con gli altri e dalle stesse modalità di manipolazione dei materiali che gli vengono offerti. Così il bambino raggiunge autonomia e indipendenza e di conseguenza autostima e libertà.

 

LA SCUOLA PRIMARIA AD INDIRIZZO M. MONTESSORI

Nella scuola Primaria Montessori l'ambiente di lavoro ha un suo ruolo determinante per favorire un metodo educativo inserito nella realtà ed in cui assumono un importanza fondamentale :

-La sperimentazione ed il lavoro individuale e di gruppo;

-La lettura e la consultazione dei testi raccolti in una biblioteca di classe sempre disponibile;

-La raccolta , lo studio e la valorizzazione di elementi concreti forniti dalla natura come occasione per la ricerca e le uscite di osservazione ;

-L'apertura alla realtà extrascolastica e al territorio;

-Le attività legate alla comprensione della storia dell'Uomo;

-L'adesione all'indirizzo Montessoriano nel favorire l'autonomia e l'operosità dell'alunno;

-L'importanza dell'educazione musicale;

-Lo stile relazionale contraddistinto da un clima di familiarità ed accoglienza , nel rispetto e attenzione per ciascuno;

- La valorizzazione alla cura del materiale didattico, dell'ambiente, delle attività di vita pratica che , attraverso gli incarichi, sollecitano capacità organizzative del tempo, dei ritmi e responsabilità verso il gruppo;

-Un clima favorevole alla cooperazione tra scuola e famiglia, con momenti di proprio coinvolgimento attivo;

- Una continua attenzione per lo sviluppo delle capacità mentali di ogni bambino.

 

Nella scuola Primaria Montessori si utilizza il "Materiale strutturato". Il materiale Montessori è una caratteristica del Metodo, che consente all'insegnante di porsi come figura di mediazione tra l'ambiente, il bambinie il materiale stesso; egli osserva, propone, stimolee orienta il bambino verso la sua indipendenza.

Ogni insegnante fa del Metodo uno strumento vivo, che si realizza giorno per giorno, momento per momento, attraverso la sua sensibilità e capacità di interpretare le esigenze della classe e di ogni bambino, sempre calibrando ed adottando gli interventi, i tempi e i modi. Utilizzando il materiale, i bambiniesercitano la propria intelligenza, operano, pensano, adottano ipotesi di soluzioni, classificano, risolvono problemi, modificando le loro rappresentazioni mentali, si aiutano tra loro attraverso il "mutuo insegnamento" e -spesso vicendevolmente-uno diventa "maestro dell'altro".

Ma anche il materiale " storico" , cioè quello più consolidato e collaudato nel tempo, è sempre soggetto allo studio e all'integrazione creativa dell'insegnante, che si avvale anche di altri strumenti facilmente reperibili. da anni anche l'utilizzazione delle nuove tecnologie costituisce per la scuola Montessori un'importante risorsa.

Ogni insegnante è dunque sempre impegnato in una continua attività di ricerca e di innovazione.

Il Progetto Educativo M. Montessori (P.E.M.) fa riferimento al Piano Triennale dell'Offerta Formativa (PTOF) e alle indicazioni Nazionali per il Curricolo.

LA SEZIONE MONTESSORI

 Orario delle lezioni : dal lunedi al venerdi dalle 7.55 alle 13.00 

sabato dalle 7.55 alle 12.00 (sabati alterni)

 

 

 

 

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.